Efficientamento energetico aziende 2020

Efficientamento energetico aziende 2020: come fare e come scegliere

I criteri, le tecnologie e le soluzioni più vantaggiose per l’efficientamento energetico in ambito industriale nel 2020

Ampliamento di comparti produttivi, ristrutturazione di capannoni o di altri edifici attigui, riconversione industriale: sono solo alcune delle possibili situazioni in cui è solitamente molto alta l’attenzione al tema dell’efficientamento energetico. In realtà, anche in assenza di queste circostanze, ogni realtà industriale e produttiva dovrebbe avere già (e da tempo…) affrontato e risolto nel migliore dei modi l’aspetto dell’ottimizzazione della spesa energetica generale (costi per elettricità e riscaldamento/raffreddamento degli ambienti).

In caso contrario, la primissima cosa che consigliamo di fare è commissionare un’analisi accurata dei processi produttivi e di lavorazione in corso, nonché di infrastrutture e tecnologie impiegate e/o in caso da realizzare in prospettiva.

Come smettere di dipendere da gas e gasolio (o comunque ridurne di molto il consumo)

Dall’esperienza di questi ultimi dieci anni, abbiamo infatti ampiamente constatato come ad esempio il passaggio da impianti alimentati a combustibile fossile (gas o gasolio), a nuove soluzioni a biomassa, oppure utilizzando le specifiche risorse rinnovabili di un determinato territorio come il sole, il vento o entrambi, abbia sempre e comunque portato a una tale riduzione dei costi, che altrettanto spesso ciò ha consentito un vero e proprio rilancio dell’attività stessa.

In egual misura possiamo parlare dei vantaggi della cogenerazione, mediante la quale produrre simultaneamente energia elettrica e termica, introducendo così il principio di sfruttare una parte sempre maggiore dell’energia generata, riducendo cioè drasticamente eventuali dispersioni o mancati utilizzi. Esemplare al riguardo il funzionamento del cogeneratore, grazie al quale il calore di recupero e quello dei gas di scarico diventano la fonte energetica per riscaldare un edificio.

Un meccanismo simile vale anche per le caldaie a condensazione, il cui uso non si limita certo al settore residenziale: anche la condensazione porta a una maggiore efficienza, poiché pure in questo caso permette di ricavare calore dai gas di scarico, con un grado di rendimento che – a differenza delle caldaie tradizionali – arriva al 98%!!!

L’importanza di una seria analisi “costi-benefici”

Va detto che, lì dove un imprenditore abbia giustamente individuato l’urgenza e l’opportunità di un intervento di efficientamento energetico per la propria struttura, dev’essere la competenza dei tecnici a capire se ad esempio, analizzato il caso specifico, può essere più vantaggioso un investimento nella cogenerazione o al contrario nell’installazione di un impianto fotovoltaico.

Alcuni esempi concreti

Produzione di calore da biomassa: molto più spesso di quanto si creda, la disponibilità di biomassa in loco può consentire di cambiare completamente i bilanci dell’approvvigionamento energetico.

È il caso ad esempio dell’azienda agricola laziale Demetrius di Cisterna di Latina che, con la realizzazione di un impianto di cogenerazione a biomassa legnosa da 50 KWe e 110 KWt, ha significativamente ridotto le bollette per il riscaldamento degli ambienti interni.

In altre zone d’Italia, invece, le piantagioni a ciclo rapido di pioppi (con relativa raccolta ogni tre anni) ne permettono la trasformazione in cippato di legno, con la possibilità di un risparmio di combustibile fino a 5.000 litri di gasolio per ettaro di piantagione utilizzata.

Come intervenire subito

Come detto, in base alla specificità del territorio e del tipo di attività industriale, ogni settore e ogni realtà aziendale merita un’analisi particolareggiata. Chiaramente ci sono interventi più semplici e immediati che possono migliorare da subito la situazione:

  • introduzione di motori inverter di nuova generazione, che possono incidere anche fino al 30% sui risparmi in bolletta;
  • un ulteriore 3/5% può essere recuperato dal passaggio capillare all’illuminazione a LED;
  • applicazione di tecnologie di domotica per gestire in modo più intelligente gli impianti aziendali, perseguendo più elevati standard di efficienza.

Dalle parole ai fatti…

Solo nell’ultimo anno, e solo nelle immediate vicinanze della nostra sede aziendale, abbiamo contribuito all’efficientamento energetico di molte importanti realtà produttive quali:

  • Ormant (società specializzata nella produzione di sistemi antivibranti per i settori Automotive, Navale, Edilizia e Agricoltura), con la progettazione e realizzazione di un Impianto Fotovoltaico da 99,68 kW, comprensivo di sostituzione della copertura in fibrocemento con nuova copertura in pannello coibentato;
  • Officine Gigotti Francesco (da oltre 50 anni attive nella componentistica meccanica di precisione) Impianto Fotovoltaico da 113,60 kW;
  • stesso tipo di impianto per la Meccanica Gigotti, punto di riferimento in vari settori d’ingegneria meccanica e ovunque si richieda precisione e qualità delle lavorazioni, del montaggio dei componenti e di moduli meccanici completi;
  • Puma Conserve (eccellenza italiana nella produzione di prodotti tipici pugliesi) progettazione e realizzazione di un Impianto Fotovoltaico che, inizialmente suddiviso in 2 sezioni da 99.96 kW ciascuna, alla luce dell’importante contributo in termini di energia autoprodotta, è stato poi ampliato con un’ulteriore sezione da 70.06 kW.
Vuoi una consulenza gratuita dai tecnici Evonat per capire come attuare l’efficientamento energetico della tua azienda? Inviaci la tua richiesta.

Related Post